Studia ed analizza le origini e l'evoluzione della massima "nomina sunt consequentia rerum", da lontane radici stoiche, sino a più recenti sistemazioni scolastiche di marca lessicografica e retorica: indaga l'intersecarsi di tale massima con la metodologia e l'ideologia giuridica nelle sue origini glossatorie e di esegesi testuale.

Tra retorica ed enciclopedia. L’ontologismo linguistico del giurista medievale*in «Rechtsgeschichte Zeitschrift des Max-Planck-Instituts für europäische Rechtsgeschichte» Herausgeberin Marie Theres Fögen Redaktion Bettina Emmerich Rainer Maria Kiesow Karl-Heinz Lingens Rg9 2006 , 46-58

MONTORZI, MARIO
2006

Abstract

Studia ed analizza le origini e l'evoluzione della massima "nomina sunt consequentia rerum", da lontane radici stoiche, sino a più recenti sistemazioni scolastiche di marca lessicografica e retorica: indaga l'intersecarsi di tale massima con la metodologia e l'ideologia giuridica nelle sue origini glossatorie e di esegesi testuale.
Montorzi, Mario
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11568/104380
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact