La "exceptio doli generalis" e il divieto di "venire contra factum proprium"