L'imperialismo tardo-vittoriano: continuità o cambiamento qualitativo?