Il Vedico tra varianti e standardizzazione