Stabilità del posto di lavoro e accezione “debole” del rapporto di lavoro