This essay deals with Diderot's philosophy starting from the image of the spider in its web (araignée dans sa toile) that constantly recurs in the work of the Philosophe. I will show how Diderot's peculiar use of this image gives rise to an original thought based on a complex interaction among different historical and philosophical traditions. This investigation will allow me to point out the relevance of the spider's metaphor to define the characters of a philosophy of imagination founded on comparaisons and analogies. First of all, I will trace the history of a tradition that – from Heraclitus and the Stoics to Bayle and Brucker's interpretation of Spinoza – considered the araignée dans sa toileas the image of the anima mundi. Secondly, I will show how, according to Descartes and Cartesian philosophers, the spider became the image of the human individual physiology. Finally, the recall of other philosophical traditions considering the araignée as an animal equipped with a refined tact and a strong musical sensibility will allow me to illustrate how Diderot renewed the history of the spider's metaphor to give rise to an human being that shapes the world by images.

Il presente saggio considera la filosofia diderottiana a partire da un’immagine – quella del ragno nella sua tela (araignée dans sa toile) – che ricorre costantemente nelle pagine del Philosophe. Attraverso tale immagine si mostra come Diderot faccia interagire tradizioni storico-filosofiche differenti, rifondendole in forma originale e rivelando i tratti di una filosofia dell’immaginazione, fondata sulle comparaisons e sul richiamo analogico delle immagini. In primo luogo, si ricostruisce la tradizione – da Eraclito agli Stoici, giungendo alla lettura che Bayle e Brucker fanno della filosofia di Spinoza – che considera l’araignée dans sa toile come l’immagine dell’anima mundi. In secondo luogo, si mostra come il ragno divenga, in territori prossimi a Descartes, immagine della fisiologia individuale umana. Richiamando altre tradizioni filosofiche, che fanno dell’araignée un animale dotato di un tatto sottile e di una spiccata sensibilità musicale, si mostra come Diderot faccia interagire la storia che si è depositata nell’immagine del ragno, dando origine a un umano che, all’incrocio tra continuità e contiguità col reale, dà forma, in immagine, al mondo.

L’araignée dans sa toile. Immagini della fisiologia diderottiana

Matteo Marcheschi
Writing – Original Draft Preparation
2018-01-01

Abstract

Il presente saggio considera la filosofia diderottiana a partire da un’immagine – quella del ragno nella sua tela (araignée dans sa toile) – che ricorre costantemente nelle pagine del Philosophe. Attraverso tale immagine si mostra come Diderot faccia interagire tradizioni storico-filosofiche differenti, rifondendole in forma originale e rivelando i tratti di una filosofia dell’immaginazione, fondata sulle comparaisons e sul richiamo analogico delle immagini. In primo luogo, si ricostruisce la tradizione – da Eraclito agli Stoici, giungendo alla lettura che Bayle e Brucker fanno della filosofia di Spinoza – che considera l’araignée dans sa toile come l’immagine dell’anima mundi. In secondo luogo, si mostra come il ragno divenga, in territori prossimi a Descartes, immagine della fisiologia individuale umana. Richiamando altre tradizioni filosofiche, che fanno dell’araignée un animale dotato di un tatto sottile e di una spiccata sensibilità musicale, si mostra come Diderot faccia interagire la storia che si è depositata nell’immagine del ragno, dando origine a un umano che, all’incrocio tra continuità e contiguità col reale, dà forma, in immagine, al mondo.
Marcheschi, Matteo
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11568/1103912
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact