Da una scultura sull’altare a un paliotto in arazzo: operatività liturgica della raffigurazione del Cristo morto