Il pluralismo religioso tra coercizione e libertà