Fortunata quella disciplina che ha buoni divulgatori... A proposito dell’edizione italiana di „Noi balti”