Nel titolo di questa mostra sull’opera di Antonio Monestiroli e del suo studio compaiono questi due termini – architettura e ragione – che spesso nei suoi progetti mi sono sembrati assolutamente sovrapponibili, stretti in un rapporto di necessità che non può essere infranto senza perdere il senso più profondo del nostro mestiere e della maniera esemplare con la quale Antonio lo ha interpretato. Da una parte il lavoro di un progettista colto e raffinato, continuatore di quella grande tradizione dell’architettura milanese che va da Rogers a Rossi, da Gardella ad Asnago e Vender, di un’eredità fatta di innovazione tecnica e di decoro civile; dall’altra la straordinaria capacità di ricercare i motivi più profondi e veri di questo mestiere e di saperli argomentare e trasmettere nella passione per la didattica dell’architettura, che lo ha reso uno dei protagonisti della scuola politecnica e prima ancora della scuola di Pescara, durante una stagione felice per l’insegnamento dell’architettura in Italia. Per tutta una vita Antonio Monestiroli ha lavorato a una teoria generale dell’architettura, articolandola in alcuni testi ancora oggi fondamentali e nei progetti fatti nel suo studio professionale oppure a scuola con gli studenti.

Antonio Monestiroli: l'Architettura e la Ragione

Lanini, Luca
2021

Abstract

Nel titolo di questa mostra sull’opera di Antonio Monestiroli e del suo studio compaiono questi due termini – architettura e ragione – che spesso nei suoi progetti mi sono sembrati assolutamente sovrapponibili, stretti in un rapporto di necessità che non può essere infranto senza perdere il senso più profondo del nostro mestiere e della maniera esemplare con la quale Antonio lo ha interpretato. Da una parte il lavoro di un progettista colto e raffinato, continuatore di quella grande tradizione dell’architettura milanese che va da Rogers a Rossi, da Gardella ad Asnago e Vender, di un’eredità fatta di innovazione tecnica e di decoro civile; dall’altra la straordinaria capacità di ricercare i motivi più profondi e veri di questo mestiere e di saperli argomentare e trasmettere nella passione per la didattica dell’architettura, che lo ha reso uno dei protagonisti della scuola politecnica e prima ancora della scuola di Pescara, durante una stagione felice per l’insegnamento dell’architettura in Italia. Per tutta una vita Antonio Monestiroli ha lavorato a una teoria generale dell’architettura, articolandola in alcuni testi ancora oggi fondamentali e nei progetti fatti nel suo studio professionale oppure a scuola con gli studenti.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11568/1117641
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact