Accoglienza zero: le zone di trattenimento come paradigma della messa a distanza