Ancora su Bruno e Copernico