Una nota manoscritta inedita di Ippolito Rosellini e la regina ahmoside Ahmes-Meritamon