Chateaubriand uno e due: autorappresentazione e censura