Verso un “nuovo” utilizzo delle decisioni interpretative