Aspetti del "paragone" al tempo di Tullio Lombardo