Il presente capitolo tratta il femminismo islamico come una forma di cosmopolitismo morale, in quanto movimento globale e transnazionale. La definizione di femminismo cosmopolita data da Reilley si adatta bene al framework del femminismo islamico. La biografia e l’impegno delle femministe islamiche dimostrano che il loro è un movimento globale e un appello cosmopolita all’uguaglianza di genere. L’espressione “femminista islamica cosmopolita” non è un ossimoro, dal momento che non contraddice i valori islamici di giustizia, uguaglianza e dignità. Il loro approccio unisce la fede religiosa e la metodologia proveniente da ambiti estranei. Ciò crea, inoltre, un ponte di scambi tra il pensiero islamico, le istanze femministe globali e i principi universali dei diritti umani. La ricerca femminista ha impatto sociale importante, soprattutto sui giovani, e aspira a introdurre cambiamenti a livello giuridico. La conoscenza femminista islamica è forgiata dal dialogo con interlocutori internazionali e nelle differenze culturali. Il dialogo è sempre aperto con l’establishment religioso e con le autorità politiche. Ma qui si apre un’altra pagina, un’altra sfida per le femministe islamiche che vivono in regimi poco democratici.

“Femminismo islamico e cosmopolitismo”

Renata Pepicelli
2021

Abstract

Il presente capitolo tratta il femminismo islamico come una forma di cosmopolitismo morale, in quanto movimento globale e transnazionale. La definizione di femminismo cosmopolita data da Reilley si adatta bene al framework del femminismo islamico. La biografia e l’impegno delle femministe islamiche dimostrano che il loro è un movimento globale e un appello cosmopolita all’uguaglianza di genere. L’espressione “femminista islamica cosmopolita” non è un ossimoro, dal momento che non contraddice i valori islamici di giustizia, uguaglianza e dignità. Il loro approccio unisce la fede religiosa e la metodologia proveniente da ambiti estranei. Ciò crea, inoltre, un ponte di scambi tra il pensiero islamico, le istanze femministe globali e i principi universali dei diritti umani. La ricerca femminista ha impatto sociale importante, soprattutto sui giovani, e aspira a introdurre cambiamenti a livello giuridico. La conoscenza femminista islamica è forgiata dal dialogo con interlocutori internazionali e nelle differenze culturali. Il dialogo è sempre aperto con l’establishment religioso e con le autorità politiche. Ma qui si apre un’altra pagina, un’altra sfida per le femministe islamiche che vivono in regimi poco democratici.
Pepicelli, Renata
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11568/1141402
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact