La Corte, la sovranità e le insidie del nominalismo