Sull'evoluzione a distanza della malattia di Paget: presentazione di due casi particolari