Amore, dono: pubbliche virtù?