Dal linguaggio delle donne alla scrittura femminile: una pratica di diversità?