Guareschi, gli IMI e il «Diario clandestino»