Maurizio Cucchi: Jeanne d'Arc e il suo doppio