L’auspicabile “snellimento” del controllo di ammissibilità del referendum