Questa voce enciclopedia segue l’evoluzione della clausola generale di buona fede nella giurisprudenza pratica e teorica italiana, dalla prima sedimentazione che si consolida nella codificazione del 1942, alla crisi del dopoguerra seguita dalla rinascita e dalla lenta penetrazione nel diritto effettivo di una lettura conforme a costituzione, alla fase attuale di espansione sotto l’impulso della legislazione comunitaria e del movimento di armonizzazione che ha promosso e la sostiene. Nella parte finale è formulata una proposta di lettura della clausola generale, da regola di condotta a norma di riconoscimento, o di mutamento dell’ordinamento giuridico, con corollario sotto il profilo rimediale.

Buona fede in senso oggettivo

CALDERAI, VALENTINA
2008

Abstract

Questa voce enciclopedia segue l’evoluzione della clausola generale di buona fede nella giurisprudenza pratica e teorica italiana, dalla prima sedimentazione che si consolida nella codificazione del 1942, alla crisi del dopoguerra seguita dalla rinascita e dalla lenta penetrazione nel diritto effettivo di una lettura conforme a costituzione, alla fase attuale di espansione sotto l’impulso della legislazione comunitaria e del movimento di armonizzazione che ha promosso e la sostiene. Nella parte finale è formulata una proposta di lettura della clausola generale, da regola di condotta a norma di riconoscimento, o di mutamento dell’ordinamento giuridico, con corollario sotto il profilo rimediale.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11568/119864
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact