Dolore e sofferenza: categorie distinte o poli di una dimensione unica?