Il futuro della norma è già segnato dalla giurisprudenza costituzionale