Lo sguardo dei bambini e le figure del potere