Sul 'diritto naturale' e la sua relazione col cattolicesimo e col liberalismo