Caracalla e Iulia Domna: tradizioni storiografiche come echi di propaganda politica