Su di un caso di Malattia di Caffey-De Toni