Volterra: dal “bozzato a pelle piana” alle “bozze bugnolate”