Il nuovo Galeno e il fr. 964 di Euripide