Esclusione, conflitto e violenza: sulla logica del terrorismo