Alcune considerazioni sul rapporto buona fede soggettiva-colpa