Stato e/o potere. Una lettera a Giorgio Chittolini