La città come spazio contraddittorio: la visione della geografia di genere