Incubi privati, memoria pubblica: per un’antropologia delle stragi