Tra storiografia e retorica: il Thomas Barresius di Ludovico Saccano