Il nostro Euripide, l'umano