"Considero il lavoro del pittore uguale a quello del musicista”. Le radici musicali del cinema di Veronesi