De' Stefani tra liberismo e corporazioni