Sul più grande punto di biforcazione positivo per una classe di operatori potenziali non differenziabili