Linguaggio, logica, etica: Bentham e l’interpretazione causale dell’azione umana