Lettura cavalcantiana (XLI "I' vegno 'l giorno a te 'nfinite volte")