Sulla simulazione di società in nome collettivo e sulla sua inopponibilità al fallimento