Silenzio, voce, annunzio: la Trinità secondo Mario Vittorino