Andrej Astvacaturov: lo spettacolo dell'assurdo