Svevo e Schopenhauer. Per la rilettura di 'Una Vita'