Sulla massimalità dei piedi trocaici: il caso del latino